Recent Posts

New book on population

This is my new publication in English: https://anthempress.com/procreation-and-population-in-historical-social-science-hb Procreation, the forgotten basis of population dynamics, and its macrohistorical results, are at the center of this book seen through the lenses of world-system analysis in a nondogmatic way that includes the work started by Jack Goldstone […]

“Minori trans”: uno studio dalle conclusioni manipolate

Finalmente pubblicato qui il mio articolo “Gender-affirming model still based on 2014 faulty Dutch study“, in cui analizzo anche la categoria del DSM “disforia di genere”, mostrandone l’assoluta vaghezza e valenza normalizzante

Terzo incontro contro le tecnoscienze 23-5.7

Presso L’altra dimora (AL)

Programma scaricabile qui

Roma: Un mondo senza madri? 3.7.2021

Un mondo senza madri?Sala delle Colonne, Galleria Nazionale RomaLa maternità negli ultimi cinquant’anni ha cambiato volto. Da destino naturale legato all’identificazione della donna con la madre si è mutata in una libera facoltà. Da ruolo socialmente definito è divenuta una scelta privata. Da evento puramente […]

Ragioni per non accettare terapie geniche sperimentali

…che in genere vengono chiamate “vaccini”. Se non è un misnaming questo! Vedi anche “La roulette italiana” di Sonia Savioli e il volantino di R2020 Siena

NOI E IL NOSTRO COVID e cure domiciliari

Opuscolo informativo per uscire dalla paura e dallo stato di emergenza

UN OPUSCOLO DA ROVERETO SULLE CURE DOMICILIARI Download

oppure

analogie storiche

dal blog di Sonia Savioli https://www.soniasavioli.it/post/il-nazismo-debole Un’altra lettura consigliata è “Cronistoria ragionata della pandemia”, di Matteo Martini, in Operazione corona. Colpo di stato globale, a cura di Nicola Bizzi e Matteo Martini. Prato: Edizioni Aurora boreale 2020, pp. 51-154.

ancora sull’attuale situazione

Da Il Rovescio- Cronache dallo stato di emergenza Un amico di Winston Smith fa 2+2 https://sinistrainrete.info/politica/20085-un-amico-di-winston-smith-l-affare-covid-tra-emergenza-spettacolare-ed-epidemia-dolosa.html

Sull’ordine esecutivo di Biden sesso/identità di genere

Trascrizione dell’intervento di Lierre Keith del 30 gennaio 2021 alla trasmissione The Green Flame: le ragioni della campagna per annullare l’ordine esecutivo del presidente USA che sostituisce a “sesso” “identità di genere” nelle norme antidiscriminatorie. Dopo il link la traduzione italiana scaricabile

Nascere e mettere al mondo: gli Atti

Abbiamo pubblicato su ESE Salento University Publishing gli atti di Nascere e mettere al mondo. Sguardi sociali e filosofico politici accessibili all’indirizzo http://siba-ese.unisalento.it/index.php/nascere/ 

Cahier de doléance

…in realtà l’hanno intitolato Appello al governo, da Radio Cora qui il link e di seguito il testo: http://www.radiocora.it/post?pst=39326&fbclid=IwAR04QgXpNZYfyZzNvMyY3Kj8cCxNi7vITpESRiWfhek5TAbyxIfTd4S8QRA, è aperto alla firma.Questo è un altro testo condivisibile, da Sollevazione: https://www.sinistrainrete.info/societa/19807-sollevazione-covid-il-punto-di-vista-di-liberiamo-l-italia.html Appello al governo: CURA, DEMOCRAZIA, FIDUCIAÈ passato un anno dall’inizio della pandemia. La discontinuità politica che […]

Sul futuro, 16.2 h 16

Il 16 febbraio alle 16, ci sarà la presentazione di due libri: Luca Pardi e Nicolò Bellanca “O la capra o i cavoli. La biosfera, l’economia e il futuro da inventare”, e Stefano Bartolini “La grande decelerazione. Come vivere meglio e salvare il pianeta”. Oltre agli autori saranno presenti Vincenzo Balzani (Università di Bologna), Daniela Danna (Università del Salento) e Lucia Re dell’Università di Firenze e direttrice della rivista Jura Gentium, che ospita l’incontro.

Link alla locandina presente sul sito di Jura Gentium dove, sotto il titolo dell’evento, c’è anche il link dell’incontro in Google Meet.

https://www.juragentium.eu/jg/i_Seminari/Voci/2021/2/16_LA_BIOSFERA%2C_LECONOMIA_E_IL_FUTURO_DA_INVENTARE.html

di lockdown, ventilatori, tamponi etc

https://ccpgloballockdownfraud.medium.com/the-chinese-communist-partys-global-lockdown-fraud-88e1a7286c2b

Informazioni sul presunto vaccino (in realtà terapia genica)

di Silvia Guerini

Per chi non ha tempo di leggere tutto, basterebbe leggere l’intera intervista alla dottoressa Loretta Bolgan:“un rischio gravissimo di reazione avversa fatale; il pericolo di reazioni autoimmuni, di malattie gravi a carico del sistema nervoso; la possibilità che si verifichino alterazioni epigenetiche, ovvero capaci di modificare l’espressione dei geni. Infine, l’ipotesi che possa essere attaccato il sistema riproduttivo con lo spettro dell’infertilità.”
“il vaccino ad adenovirus di Oxford viene prodotto utilizzando  linee cellulari immortalizzate. In particolare linee cellulari fetali potenzialmente cancerogene. Se rimangono residui di lavorazione nel vaccino è molto pericoloso. Il DNA fetale ha alta capacità  di integrarsi nel DNA dell’ospite ed  essendo immortalizzato porta con sé geni mutati che potrebbero innescare la cancerogenesi”
Per leggerla qui il link:https://www.affaritaliani.it/coronavirus/vaccino-covid-si-rischia-una-reazione-avversa-fatale-711866.html

Dal bugiardino del vaccino Pfizer (dalla fonte originale in inglese)in originale dal sito del governo inglese: https://assets.publishing.service.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/948101/Temporary_Authorisation_HCP_Information.pdftradotto qui: http://www.iostoconlavvocatopolacco.it/wp-content/uploads/2020/12/bugiardino-vaccino-covid.pdf4.6.Fertilità, gravidanza e allattamento Gravidanza: I  dati sull’uso del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non sono disponibili o sono disponibili in quantità limitata. Studi di tossicità riproduttiva sugli animali non sono stati completati. Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non è raccomandato durante la gravidanza. Per le donne in età fertile, la gravidanza deve essere esclusa prima della vaccinazione. Inoltre, le donne in età fertile dovrebbe essere consigliato di evitare la gravidanza per almeno 2 mesi dopo la seconda dose. 
Allattamento al seno: Non è noto se il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 sia escreto nel latte umano. Un rischio per i neonati / bambini non può essere escluso. Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non deve essere utilizzato durante l’allattamento.
Fertilità: Non è noto se il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 abbia un impatto sulla fertilità.
Prevengo l’osservazione che ovviamente anche altri farmaci non vanno presi in gravidanza, certo, ma nonostante quanto scritto nel bugiardino Pzizer la criminale AIFA alla domanda se si può somministrare alle donne in gravidanza o in allattamento risponde invece: “Il vaccino non è controindicato e non esclude le donne in gravidanza dalla vaccinazione […] non è previsto alcun rischio che impedisca di continuare l’allattamento al seno”. Penso che si commenti da sè. E che non sia eccessivo parlare di complicità criminale per tutti quei giornalisti che appoggiano questo o che non lo denunciano. E poi, rimando alla spiegazione su nuovo vaccino a mRNA.
Effetti collaterali genotossici 
“Genotossico” significa che il meccanismo “RNA -> cDNA -> disturbo del  controllo genetico.
Capacità di agenti chimici di danneggiare l’informazione genetica all’interno di una cellula causando mutazioni ed inducendo modificazioni all’interno della sequenza nucleotidica o della struttura a doppia elica del DNA di un organismo vivente.
A lungo termine PRODUCE mutazioni genetiche, questo significa CANCRO.
Va notato che i vaccini a mRNA non sono stati testati per escludere la genotossicità, nonostante la legislazione in materia dica: “Secondo la normativa europea (direttiva 67/548/CEE), ogni sostanza chimica prodotta in quantità superiori ai 10 kg all’anno, o comunque utilizzata sull’uomo (ad esempio farmaci), deve obbligatoriamente superare test di genotossicità su batteri e per effetti cromosomici. […] La presenza di un effetto di alterazione nella struttura cromosomica rende necessario valutare, secondo il principio della massima precauzione, la possibilità di effetti trasmissibili alla prole”
Da Ilaria Capua (che molte di noi conoscono e stimano) in un’intervista a La7 (per cui è stata attaccata e ridotta a una semplice veterinaria per screditarla, e chi prima la stimava non l’ha più difesa) ( https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/11/25/coronavirus-ilaria-capua-su-la7-chi-si-vaccina-non-si-ammala-ma-puo-infettarsi-e-infettare-gli-altri-se-non-indossa-la-mascherina/6015549/)
“Il vaccino anti-covid protegge dalla malattia. Ma, da vaccinato, posso andare in giro come se fossi sicuro al 100%? La risposta è no. La vaccinazione, infatti, è efficace contro la malattia, ma contro l’infezione non lo è al 100%. Sicuramente riduce moltissimo la quantità di virus che si elimina”
“Esistono pochissimi vaccini che danno immunità sterile, cioè tali che, se incontro il virus, sono totalmente impermeabile. Nel mondo reale, se io sono vaccinato, ho una barriera che mi protegge dall’effetto nocivo del virus, ovvero dalla malattia”
E fa un esempio: “Se lei, Giovanni Floris, si vaccina contro il covid, non si ammala. Ma può infettarsi e trasmettere quell’infezione se non indossa la mascherina? Sì.
Quindi se il vaccino anti-covid, quando funziona, protegge il portatore dalla malattia covid-19, ma non neutralizza il virus SARS-CoV-2 presente nel suo corpo, e la persona resta infettiva e contagiosa.
IMPOSSIBILE il passaporto vaccinale
 per entrare in un bar, in palestra o in aereoplano: se sei vaccinato, se hai il virus lo puoi comunque trasmettere!
Come funziona:Tradizionalmente, i vaccini contengono virus indeboliti o proteine distintive del virus che vengono purificate.Un vaccino a mRNA è diverso, in quanto invece di ricevere direttamente attraverso un’iniezione una proteina virale, al ricevente viene somministrato materiale genetico – mRNA – che è in grado di codificare la proteina virale stessa.Questo cosa significa? Leggiamo qui sotto:

Silvia Ribero, ricercatrice dell’ETC Group, (monitora da 25 anni l’impatto delle tecnologie emergenti e le strategie delle multinazionali sulla biodiversità, l’agricoltura e i diritti umani), Il covid e i vaccini transgenici:Come segnalano esperi in vaccini e biologi molecolari, ci sono seri rischi con questi vaccini transgenici. Ad esempio, una volta introdotto il DNA e l’RNA nelle nostre cellule per creare la proteina S, non è chiaro come si fermerà la produzione di questo antigene, né che effetto avrà la presenza continuata del DNA/RNA sintetico nelle cellule, che oltretutto, nel caso del DNA, arriva con un promotore genetico molto attivo.Non è chiaro neppure quali cellula saranno colpite, al di là dell’obiettivo, se le proteine o il DNA introdotto entrano nel sistema circolatorio e arrivano ad altri organi. I recettori ACE2, che sono quelli che abilitano le proteine S ad entrare nelle cellule, esistono nei reni, nei polmoni e nei testicoli, il che potrebbe produrre risposte infiammatorie gravi , reazioni autoimmuni o altri effetti sconosciuti.
Negli esperimenti con animali questo tipo di vaccino transgenico ha prodotto processi infiammatori severi e quello che chiamano “risposta paradossale”: l’organismo attacca altri virus presenti nel nostro corpo (tutti noi esseri viventi conviviamo naturalmente con virus e batteri), producendo infiammazione e altri sintomi dannosi.
I tempi di valutazione dei vaccini che si stanno creando non contemplano di valutare altro che rischi a corto periodo; ma le reazioni avverse possono sorgere successivamente. Per questo i processi di approvazione dei vaccini durano alcuni anni, che ora non sono contemplati.
Nello stesso momento non si prendono le decisioni necessarie per cambiare le cause delle pandemie – dal sistema alimentare agroindustriale alla distruzione della biodiversità – anche se esistono parecchie avvertenze che ci sono altre pandemie che incombono.
Questo sembra essere il più grande esperimento transgenico di massa sugli esseri umani, e coloro che ci guadagneranno sono le multinazionali farmaceutiche, che lucrano con le cause e con la continuazione delle pandemie.
Articolo completo:https://www.sinistrainrete.info/articoli-brevi/18760-silvia-ribeiro-il-covid-e-i-vaccini-transgenici.html?highlight=WyJyaWJlaXJvIl0=

Dr. Wolfgang Wodarg, specialista polmonare, capo di lunga data di un ufficio sanitario tedesco, membro SPD del Bundestag dal 1994 al 2009, presidente di lunga data della commissione sanitaria del Bundestag e promotore della commissione d’inchiesta sull’influenza Suina, ha dichiarato: 
Questa vaccinazione modifica geneticamente la persona che viene vaccinata. Ci agitiamo per le piante e gli animali geneticamente modificati. Ora dovremmo essere modificati geneticamente noi con tali vaccinazioni […]. Ora miliardi di persone devono essere vaccinate. Questo è assolutamente irresponsabile. Posso solo raccomandare: non fate vaccinare i vostri figli, non fatevi vaccinare con un vaccino prodotto negligentemente in così poco tempo; è affarismo.”

Il professore Dr. Stefan Hockertz, scienziato tedesco, che dal 2003 al 2004 è stato a capo dell’Istituto di Farmacologia e Tossicologia Sperimentale e Clinica, presso l’Ospedale Universitario di Eppendorf, sul nuovo vaccino a RNA ha spiegato: 
“Le aziende CureVac e BioNTech, che in Germania hanno un ruolo di primo piano in questi ambiti, hanno pianificato di iniettare direttamente nelle nostre cellule del materiale genetico libero, per poi poterlo leggere dalle nostre cellule. Ciò significa chiaramente una modificazione genetica dell’essere umano. […] In particolare non sappiamo se questo materiale genetico venga incorporato anche nelle cellule germinali, cioè negli ovociti della donna o negli spermatozoi dell’uomo, e se quindi viene anche ereditato.” 
Capo del Dipartimento di malattie infettive e tropicali dell’ospedale di Garches – Francia
PROF. CHRISTIAN PERRONNE: ”NON SONO VACCINI, MA PRODOTTI DI TERAPIA GENICA.”
“La parte peggiore è che i primi “vaccini” che ci vengono offerti non sono vaccini, ma prodotti di terapia genica. Inietteremo acidi nucleici che causeranno la produzione di parti del virus da parte delle nostre stesse cellule. Non conosciamo assolutamente le conseguenze di questa iniezione, perché è la prima nell’uomo. E se le cellule di alcuni “vaccinati” producessero troppi elementi virali, provocando reazioni incontrollabili nel nostro corpo?
Le prime terapie geniche saranno con l’RNA, ma ci sono progetti con il DNA. Normalmente, nelle nostre cellule, il messaggio viene inviato dal DNA all’RNA, ma in determinate circostanze è possibile il contrario, soprattutto perché le nostre cellule umane contengono sin dall’alba dei tempi i cosiddetti retrovirus “endogeni” integrati in il DNA dei nostri cromosomi. Questi retrovirus “addomesticati” che ci abitano sono solitamente innocui (a differenza dell’HIV, del retrovirus dell’AIDS per esempio), ma possono produrre un enzima, la trascrittasi inversa, in grado di trascrivere all’indietro, dall’RNA al DNA.
Quindi un RNA estraneo al nostro corpo e somministrato per iniezione potrebbe codificare il DNA, altrettanto estraneo, che può quindi integrarsi nei nostri cromosomi. C’è quindi un rischio reale di trasformare i nostri geni in modo permanente.
C’è anche la possibilità, modificando gli acidi nucleici, di trasmettere queste modificazioni genetiche ai nostri figli. Le persone che promuovono queste terapie geniche, falsamente chiamate “vaccini” sono apprendisti stregoni e prendono i francesi e più in generale i cittadini del mondo come cavie.
Non vogliamo diventare, come i pomodori o il mais transgenico, OGM (organismi geneticamente modificati).
Un funzionario medico di una delle aziende produttrici farmaceutiche ha affermato pochi giorni fa di sperare in un effetto di protezione personale, ma che non si dovrebbe sperare troppo in un impatto sulla trasmissione del virus, quindi sulle dinamiche dell’epidemia.
Questa è un’ammissione mascherata che non è un vaccino. Una vergogna.
Sono ancora più inorridito perché sono sempre stato a favore dei vaccini e ho presieduto per anni gli organismi che formulano la politica sui vaccini. Oggi dobbiamo dire basta a questo piano estremamente preoccupante. Louis Pasteur si sta rivoltando nella tomba.
La scienza, l’etica medica e soprattutto il buon senso devono prendere il sopravvento.”
Ricercatrice Luna Gonzáles (Lima, Perù) (medico, pediatra, ricercatrice scientifica, membro della Commissione nazionale per la diversità biologica del suo paese e del gruppo tecnico di Biosicurezza negli organismi viventi Modificato)
[…] “So molto bene che i vaccini hanno significato il controllo di molte malattie che hanno causato migliaia di morti. Tuttavia, ora siamo di fronte a qualcosa di molto nuovo e molto preoccupante “, spiega da Lima, Perù, Flora Luna Gonzáles  sui dubbi generati dagli annunci accelerati di aziende e Stati in merito a nuovi vaccini per affrontare il virus.Perché la preoccupazione? Luna González: “I vaccini contro le infezioni virali hanno sempre avuto un virus attenuato all’interno del vaccino per stimolare gli anticorpi della persona. O un virus inattivato o un frammento virale. Ma ora diversi laboratori stanno producendo un vaccino genetico sperimentale che non è mai stato registrato, concesso in licenza o utilizzato prima ”.
“Questi vaccini avranno l’RNA che produce proteine, così quando vaccinati stimoleremo la produzione di ciò che è tipico di questo virus, che è la proteina S che gli dà quella forma a corona. Ma mai prima d’ora materiale genetico è stato inserito in un vaccino. È stato prodotto in piante, animali, microrganismi. Cosa significa farlo negli esseri umani? Inserendo quell’RNA nel nostro corpo, per quanto tempo agirà? Quanto sarà intenso se il sistema immunitario del ricevente viene abbassato di qualche fattore? Quali altre azioni potrà compiere e con quali effetti? “Le domande continuano: “Perché ci mettono un RNA in modo che dia ordini genetici al nostro genoma, in modo che il genoma produca proteine ​​che distruggono la proteina S del virus? Come si fermerà quel processo? Non si sa niente. Né come agirà questo materiale genetico esterno, né con quali effetti a breve e lungo termine. Ma tecnicamente, le persone che riceveranno il vaccino saranno transgeniche, senza che noi ne conosciamo gli effetti ”. […]

Lettera di diversi ricercatori/trici:
[…] “Diversi vaccini Covid comportano l’uso di una tecnologia completamente nuova, la vaccinazione tramite mRNA, il cui uso su larga scala in soggetti umani sani è senza precedenti e i cui effetti a lungo termine sono sconosciuti. Inoltre, uno studio ha trovato prove di mimetismo molecolare. […] Il fatto è che, introdurre nel proprio organismo un intruglio del genere, potrebbe far insorgere effetti collaterali piuttosto gravi. Non sappiamo quali potrebbero essere gli effetti indesiderati a lungo termine e probabilmente non lo sapremo, perché il vaccino sarà distribuito in fretta e furia prima che si possa condurre la sperimentazione. Questa non è una strategia sensata per affrontare un virus. È inutilmente sconsiderata e, forse, anche letale” […]https://uploads-ssl.webflow.com/5fa5866942937a4d73918723/5fbd13488af2de09d68bd61c_UKMFA_Letter_to_MHRA_JCVI.pdf

Lettera al British Medical Journal (BMJ),dottor Arvind Joshi
[….] “Effetti avversi come l’encefalite pancreatica sclerosante subacuta, la polineurite ascendente, le miopatie, le malattie autoimmuni e l’eventualità, più rara, di indurre lo sviluppo di tumori maligni sono le possibilità più temute”… “La corsa ai vaccini non dovrebbe portare al disastro.”I vaccini a vettori virali geneticamente modificati potrebbero andare incontro a ricombinazione o ibridazione, con esiti imprevedibili….I precedenti tentativi di sviluppare vaccini per coronavirus e per altre patologie, ad esempio RSV (Virus Respiratorio Sinciziale) e dengue, sono stati ostacolati dal fenomeno del “potenziamento immunitario anticorpo dipendente” (ADEI), che ha portato a gravi malattie e decessi negli animali e nei soggetti umani coinvolti negli esperimenti. Questo fenomeno si manifesta solo dopo la vaccinazione, quando, in un secondo tempo, il soggetto si ritrova esposto al virus naturale. È preoccupante il fatto che le sperimentazioni sul vaccino Covid non siano state condotte in modo da escludere la possibilità di questa grave conseguenza nei mesi o negli anni successivi alla vaccinazione…
Effetti avversi del vaccino ad insorgenza tardiva, come l’encefalite pancreatica sclerosante subacuta (SSPE), la polineurite ascendente, le miopatie, le malattie autoimmuni, l’infertilità e i tumori non possono essere esclusi con studi di breve durata.”

Robert F. Kennedy Jr (avvocato specializzato in lesioni da vaccini):
Per la prima volta nella storia della vaccinazione, i cosiddetti vaccini mRNA di ultima generazione intervengono direttamente nel materiale genetico del paziente, alterandolo. Si tratta cioè di una manipolazione genetica, cosa già vietata e fino ad oggi considerata penale.Questo tipo di intervento è molto controverso ed equivale a ciò che si fa con il cibo geneticamente manipolato. Anche se i media e i politici attualmente banalizzano il problema e credono anche stupidamente che un nuovo tipo di vaccino ci faccia tornare alla normalità, questa vaccinazione è problematica in termini di salute, moralità ed etica, e anche in termini di danno genetico

Vaccino contro la COVID-19: il Consiglio Europe adotta misure per agevolarne lo sviluppo in tempi rapidi 
Il Consiglio ha adottato oggi un regolamento inteso ad accelerare lo sviluppo e la diffusione di un vaccino contro la COVID-19 nell’UE. L’atto prevede, per le sperimentazioni cliniche con tali vaccini, una deroga temporanea alla valutazione preventiva del rischio ambientale richiesta dalla legislazione dell’UE sull’emissione deliberata nell’ambiente e sull’impiego confinato di organismi geneticamente modificati (OGM). Chiarisce inoltre che tale deroga temporanea si applica anche quando gli Stati membri consentono che medicinali contenenti OGM o da essi costituiti e destinati alla cura o alla prevenzione della COVID-19 siano utilizzati in determinate situazioni eccezionali e urgenti definite nella legislazione in materia di prodotti farmaceutici. L’impatto ambientale dei medicinali (compresi i vaccini) contenenti OGM o da essi costituiti e destinati alla cura o alla prevenzione della COVID-19 continuerà a far parte del processo di autorizzazione all’immissione in commercio, nel rispetto dei requisiti di sicurezza per l’ambiente stabiliti dalla legislazione in materia di OGM. 

Inoltre, L’RNA messaggero modificato è formulato in nanoparticelle lipidiche.
Per chi non conoscesse le nanotecnologie, pensate all’amianto, queste nanoparticelle ancora più piccole a dimensione nano (un miliardesimo di metro), possono entrare nel nucleo delle cellule interferendo con il DNA e di passare da madre a feto, penetrare la barriera emato-encefalica,  una volta insinuatesi nei tessuti biologici innescano reazioni infiammatorie che possono provocare una lunga serie di malattie, dal cancro alle patologie vascolari come ictus, infarto e tromboembolia polmonare…
E, per un’onesta informazione, vi consiglio di ascoltare Margerita Furlan di La casa del Sole Tv
qui un suo importante editoriale:TgSole24 – 10 dicembre 2020 – Cavie transumane

Per finire, a chi può interessare, due documenti della dottoressa Loretta Bolgan:Principi-di-gestione-della-terapia-farmacologica-del-paziente-sintomatico-da-COVID e TERAPIA-DOMICILIARE-FARMACOLOGICA
https://rinascimentoitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/Contestazione-Principi-di-gestione-della-terapia-farmacologica-del-paziente-sintomatico-da-COVID.pdfhttps://rinascimentoitalia.it/wp-content/uploads/2020/12/TERAPIA-DOMICILIARE-FARMACOLOGICA_FRI.pdf

Una lettera pubblica condivisibile

sull’Università, dal collega Francesco Benozzo Premessa obbligatoria. Sono un professore universitario. Insegno filologia a Bologna, nella più antica università del mondo occidentale. Sono il coordinatore di un dottorato di ricerca presso la stessa Università. Dirigo tre riviste scientifiche internazionali classificate in classe A dall’ANVUR (l’Agenzia […]

Lettura indispensabile

Karina Reiss e Sucharit Bhakdi Corona, Falso Allarme?: Fatti e numeri. Nuova Ipsa, novembre 2020 Un caso letterario in Germania, scritto dal dottor Bhakdi, medico specialista di epidemiologia infettiva e già professore di Microbiologia medica all’Università di Magonza, e dalla dott.ssa Reiss, biologa e professora […]

Il giallo del coronavirus: recensione

La solita vecchia storia (anche nella Quarta rivoluzione industriale)

Dopo Il capitalismo della sorveglianza  scritto da Shoshana Zuboff , un’altra donna ci chiarisce le preoccupanti trasformazioni socioeconomiche in corso: Sonia Savioli con Il giallo del coronavirus. Una pandemia nella società del controllo (Arianna Editrice 2020, euro 18.60). Questo “giallo”, in realtà un saggio molto ben documentato, risulta però primo rispetto alla monografia di Zuboff per accessibilità, sintesi, chiarezza nell’individuare moventi e colpevoli del delitto inflitto in questo funesto 2020 all’umanità intera, intesa sia come esseri umani (metà del mondo agli arresti domiciliari per mesi), sia come concetto astratto che indica le nostre peculiari positive qualità di specie. Come è possibile che gli esseri umani vengano separati, forzati a restare in casa, minacciati se non portano “dispositivi” che cancellano le loro fattezze ed espressioni, scoraggiati dalla comunicazione vis à vis, ridotti a fare qualunque cosa attraverso uno schermo (la spesa, lo svago, la socialità, la politica o quel che ne resta…) per una malattia che lo stesso Klaus Schwab, organizzatore e presedente del Forum economico mondiale che si riunisce a Davos (e vedremo poi il suo ruolo nel “giallo”), definisce “mild”, cioè leggera? Che, ricordiamolo, in Italia ha ucciso meno di 200 persone che non avessero altre patologie, mentre le decina di migliaia di morti con (e non per) coronavirus-19 avevano l’età media di 80 anni? Che, pur essendo in palese recesso, con miglioramenti nelle terapie, evitamento (si spera) degli errori medici madornali che hanno contribuito alla mortalità (come non dare l’eparina in terapia intensiva), ora incombe con nuove chiusure e restrizioni alla libertà, oltre alla sistematica distruzione delle scuole di ogni ordine e grado e alla di fatto perdurante chiusura delle università, dove si entra solo imbavagliati? Come è possibile che i media (i mediaservi li chiama infatti Savioli) non facciano distinzioni tra “contagiati” e malati, tra “positivi” e infettivi?

Si tratta – e anticiperò un poco conclusioni e svolgimento del “giallo” – di un costituendo impero delle multinazionali, di un dominio totalitario che è stato prefigurato nelle varie esercitazioni contro la pandemia da covid-19, in cui si sono escogitate misure che non lasciano alcuna scelta, e ben poca libertà. Si tratta di folli idee di “ibridazione” umano-tecnologica, compresa la costrizione ai nuovi tipi di vaccini che attivano l’Rna che si stanno progettando contro il covid-19, magari abbinati a microchip sottopelle come per le nuove generazioni bengalesi (vedi il programma ID2020). Sonia Savioli, dalla sua campagna senese, vede lucidamente e descrive con penna brillante il delirio di onnipotenza dei governanti, che ormai sono i capi delle multinazionali, che manovrano i governi per lo meno di stati anche grandi come l’Italia, la loro brama di controllo totale, la presa in giro cui siamo sottoposto per “difendere la salute” con misure che ci danneggiano (il gel sanificante per le mani è tossico, la mascherina manda in deficit di ossigeno, l’isolamento sociale in depressione), il terrore cui ci sottopongono dai pulpiti mediatici. E le sue fonti sono quelle originali, sono i documenti che questi stessi autonominatosi arbitri dei destini del pianeta pubblicano.

Sono interessi economici, organizzati dalle multinazionali del Forum economico mondiale (e nel “giallo” trovate nomi, cognomi e curricola), che stanno dietro al giallo covid-19, che altri chiamano il Grande evento covid-19, o lo spettacolo pandemia, seguendo l’analisi di Guy Debord della “società dello spettacolo”. È la Quarta rivoluzione industriale, che dovrebbe risolvere la Grande stagnazione in corso, grazie a capitali pubblici (cioè indebitamento, da scontare con la riduzione di quel che resta dello stato sociale) utilizzati per grandi opere, digitalizzazione di tutto, espulsione di costosa forza-lavoro a favore della robotizzazione della produzione. Se masticate l’inglese, leggetevi che cosa ne scrive il già menzionato Klaus Schwab in questa disamina delle sue teorie e prescrizioni a proposito del “Grande reset” che incombe: https://winteroak.org.uk/2020/10/05/klaus-schwab-and-his-great-fascist-reset.

Savioli come detto vive in campagna, e in ogni capitoletto, un diario quasi quotidiano del periodo “dell’emergenza”, descrive i problemi portati al suo podere, agli animali domestici e selvatici, e alla campagna in generale, insieme alle notizie dalle parti più povere del mondo, da quei tropici devastati dall’inasprimento del clima, che aumenta la sua turbolenza come l’acqua che bolle in una pentola quando si alza il fuoco, cioè la temperatura media globale.

Ma questa Quarta rivoluzione industriale dell’internet delle cose (che spiano le persone) attraverso il 5G è sempre la vecchia storia della guerra dell’Uomo alla Natura, uomo inteso come esemplare maschio della specie teso alla gerarchizzazione, all’oppressione, al dominio fuori controllo, coadiuvato da molti esemplari femminili, certo, ma spinto da quel principio guerriero di morte che ha inaugurato il patriarcato con le sue devastazioni del principio femminile, delle donne e degli schiavi, della Natura. L’espulsione dall’orizzonte sociale del principio femminile della vita e della sua difesa e prosperità a favore del disprezzo e della diffidenza per ciò che è naturale e per le donne ad esso assimilate ha portato ora alla moltiplicazione del denaro come unico obiettivo sociale (è il neoliberismo), e al tentativo di cancellazione di tutto ciò che è comune, comunità, democrazia, salute degli umani e dell’ecosistema.

Il giallo del coronavirus è un libro imprescindibile per capire il presente, e per organizzarsi e resistere alla dittatura globale delle multinazionali.

https://www.macrolibrarsi.it/libri/__il-giallo-del-coronavirus.php

Covid 19 e World economic forum

…essenzialmente lo stesso, o gli stessi messaggi del mio Il modo di produzione informatico. Avrei dovuto rispondere “Klaus Schwab” in primo luogo all’amica scettica che mi chiedeva dei nomi, per poi darmi della complottista quando ho optato per Bill Gates e i Rockfeller. Così mi […]

L’emergenza immaginaria

Articolo di Alceste de Ambris https://sinistrainrete.info/articoli-brevi/18570-alceste-de-ambris-l-emergenza-immaginaria.html