Recent Posts

COMUNICAZIONE PANDEMICA

IL COMITATO INTERNAZIONALE PER L’ETICA DELLA BIOMEDICINA (CIEB) RILEVA CONFLITTO TRA DOVERI DEI GIORNALISTI E CONTRIBUTI STRAORDINARI EROGATI DAL GOVERNO Il Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB) ha adottato oggi il Parere sull’eticità e la trasparenza della comunicazione scientifico-sanitaria e sui doveri del giornalista […]

sulla pericolosità dei “vaccini”

Due articoli scientifici US COVID-19 Vaccines Proven to Cause More Harm than Good Based on Pivotal Clinical Trial Data Analyzed Using the Proper Scientific Endpoint, “All Cause Severe Morbidity” J. Bart Classen, MD Worse Than the Disease? Reviewing Some Possible Unintended Consequences of the mRNA […]

Military Being Deployed to Reinstitute Disastrous Covid-19 Government Protocols, History Repeating

Un documentato blog che denuncia le politiche in corso globalmente, affermando che il virus non è mai stato isolato, le autopsie ai morti Covid-19 rivelano altre malattie, per lo più batteriche, i tamponi sono inutili alla diagnosi (questo lo si sa da tempo), e documenta i numerosissimi casi di contaminazione batterica dello stesso materiale per i test, oltre alla dubbia gestione dell'”emergenza” nelle case di riposo: https://www.unite4truth.com/post/military-again-being-deployed-for-covid-19-response-its-time-to-address-what-happened-last-time

dove siamo e cosa possiamo fare

di Andrea Zhok https://sfero.me/article/cosa-possiamo-fare?fbclid=IwAR19QQKKIcD5-iLGHY_NrJs5soXEREiGOB1HPA1–WY5aP6FYgp7kWEgisk

La somministrazione di terapie geniche a fini di sperimentazione scientifica

Parere adottato dal Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB) il 5 gennaio 2022. Con il presente Parere il CIEB intende ribadire le criticità bioetiche e biogiuridiche concernenti la cosiddetta vaccinazione anti-Covid, alla luce delle notizie che danno per imminente la decisione del Governo italiano […]

A tutte le donne del mondo

da https://lematriarcali.wordpress.com/iniziative/nato-di-donna1/

Il primo marchio di un certo successo del desiderio maschile di avere un ruolo principale nella riproduzione degli esseri umani è forse il sacramento del battesimo, che sanciva chi poteva entrare o meno nel regno dei cieli, escludendo di fatto una grossa fetta di nati di donna dall’appartenenza religiosa in Occidente. A seguire fu il marchio del cognome paterno a svolgere il ruolo del buttafuori o dentro dall’ordine patriarcale, trascendendo anche il trascendente. Poi la scienza si è sostituita (affiancata, sosteneva Margaret Wertheim in I pantaloni di Pitagora. Dio, le donne e la matematica) a dio nel portare avanti il progetto del maschio invidioso del potere rigenerativo della donna. Ed ecco qui l’ultima apoteosi delle biotecnologie: il marchio verde, che aiuterà la Gpa ad affossare il primato della madre nella riproduzione della specie umana, manipolando la materia perché possa essere assoggettata al delirio di potere di un inseminatore senza arte e con una minuscola parte nella faccenda. Se fosse una fiction si intitolerebbe: Scemo & più scemo: quando l’idiozia conquistò il mondo, e non è detto che qualcuna prima o poi la scriva.

Per ora possiamo firmare l’appello di Roberta Trucco, Silvia Guerini e Cristiana Pivetti…

A tutte le donne del mondo

A difesa dell’inviolabilità dei corpi, delle future generazioni, del senso stesso di umanità e dell’intero vivente.

Contro il transumanesimo

Tutte le donne del mondo sono madri in potenza. Tutte portano nelle viscere il sapere che da millenni viene trasmesso di generazione in generazione. I nostri semi contengono il segreto delle origini. Siamo seminatrici e semi allo stesso tempo. Siamo le guardiane dei semi e dobbiamo mantenere l’energia, la forza e la memoria di questi Semi.

Le donne, tutte, se ascoltano le loro viscere, sanno che è in corso un attacco formidabile alla vita, alla nascita e alla morte. L’attacco che da anni è diretto ai loro corpi oggi diventa attacco a tutti i corpi.

Per il transumanesimo i corpi sono come macchine, e come tali necessitano  di revisione periodiche, vanno costantemente implementati, ottimizzati, modificati, monitorati e digitalizzati.

L’accelerazione che lo Stato d’Eccezione, diventato la nuova normalità, ha dato a questa introiezione simbolica dei corpi dovrebbe farci riflettere e indurci alla lotta.

Oggi i bambini e le bambine, il miracolo per eccellenza della forza della Vita, semi che cresceranno in piante più o meno vigorose, ma tutte facente parte del più grande organismo vivente che è l’Universo, sono diventati, nelle parole dei transumanisti, “malefici moltiplicatori di un virus”.

L’attacco ai loro corpi è predisposto. Un attacco, senza precedenti, di tecnocrati transumanisti eugenisti che si spinge fino all’interno dei corpi e che sradicherà le future generazioni dalle loro origini.

I vaccini a mRNA sono in realtà terapie geniche, vere e proprie piattaforme di riprogettazione cellulare, che rappresentano il precedente per una prossima manipolazione genetica di massa. “Stiamo hackerando il codice della vita” afferma il Ceo di Moderna.

La bio-tele-nano medicina, con inserti genici a mRNA a livello preventivo per qualsiasi patologia, farmaci da remoto e microchip all’interno dei nostri corpi, sarà il paradigma su cui si fonderà una nuova concezione di salute e di malattia in una società cibernetica tecno-medicale.

Le nostre esistenze, dalla nascita alla morte, saranno costantemente monitorate e sottoposte al volere degli algoritmi.

Il fine: dirottarci verso una società transumanista che, alla radice, contiene la cancellazione definitiva della Natura Umana, il senso stesso di essere umano.

Klaus Schwab, fondatore del World Economic Forum, ospitato pochi giorni fa a palazzo Chigi è stato chiaro affermando che ci attende “la fusione biologica con il digitale”.

Intelligenza artificiale, editing genetico, riproduzione artificiale, bionanotecnologie, Internet delle cose (5G) e Internet dei corpi comunicanti (6G). La trilogia post-umana è così completata: trasformazione fisica, biologica e digitale, in una convergenza che chiude il cerchio e apre alla manipolazione dell’intero vivente, verso una società post-umana e post-natura.

Le donne, tutte, sono le madri di tutti i bambini e le bambine del mondo. Sappiamo bene che i bambini sono il miracolo della natura e che nessuna intelligenza artificiale potrà mai superare l’intelligenza dei nostri corpi e dei suoi semi.

Un canto sacro recita così: “La terra è il mio corpo, l’acqua il mio sangue, l’aria il mio respiro, il fuoco il mio spirito”. Siamo consapevoli di avere oltraggiato oltre misura la terra, l’acqua, l’aria e il fuoco. Siamo consapevoli che solo il recupero del rispetto del limite che ci pone la Natura e l’inviolabilità dei corpi e del vivente ci restituirà alla vita, alla vita Vera.

Se le Donne tutte, madri in potenza, non sapranno difendere i figli e le figlie dalla più grande sperimentazione di massa, questa umanità sarà persa per sempre.

Compatte, a difesa dei corpi, delle future generazioni, del senso stesso di umanità e dell’intero vivente, schieriamoci: Non Passeranno!

Restare umane significa Resistere al Transumanesimo!

Per aderire e contatti: corpiindisponibili su inventati.org

Parere del CIEB dedicato alle condizioni di eticità della partecipazione del personale medico e sperimentatore alla somministrazione del vaccino anti-Covid

VACCINO: IL COMITATO INTERNAZIONALE PER L’ETICA DELLA BIOMEDICINA CHIARISCE LE REGOLE ETICHE CHE IL GOVERNO, LE STRUTTURE SANITARIE E I MEDICI VACCINATORI DOVREBBERO SEGUIRE Il Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB) ha adottato oggi il Parere dedicato alle condizioni di eticità della partecipazione dei […]

umanità e ragione

Un appello indirizzato ai rettori a cui ho aderito:

Primo parere del Comitato internazionale per l’etica della biomedicina

A proposito di obbligatorietà del vaccino per una malattia curabile, che uccide quasi solo anziani con patologie multiple

Lettera al Rettore e ai docenti di Unisalento

Ecco la lettera inviata da un gruppo di studenti e docenti al rettore e al corpo accademico, seguita da un commento dello studente Marco Zuccaro alle inqualificabili risposte ricevute da colleghi che credono di vivere in un talk show – oppure in un’università-caserma, nel qual […]

articoli utili

Interessantissimi anche i commenti: https://www.sinistrainrete.info/societa/21185-nicola-casale-ancora-sulla-maledizione-pandemica-che-ha-colpito-la-sinistra-di-classe-i.html

https://www.sinistrainrete.info/articoli-brevi/21193-andrea-zhok-incubo-orwelliano.html

https://www.sinistrainrete.info/articoli-brevi/21702-sonia-bibbolino-lettera-ai-compagni.html (sottoscrivo pienamente, dopo le reazioni censorie e insultanti della maggior parte dei “compagni” di Sociologia di posizione e Sociologia pubblica alle mie considerazioni sullo stato di emergenza pseudosanitaria!)

Il Covid lungo dei banchieri centrali | La Fionda Sono d’accordo sulle conclusioni di Fabio Vighi ma non sulle premesse; ho postato questo commento su sinistrainrete – dato che all’articolo originale non è possibile farlo: 

Apprezzo l’analisi di Vighi che mette in luce la spinta economica dietro alle misure “antiCovid”, ma credo che pensare che il lavoro umano sia stato superato perché ci sono le macchine e gli algoritmi sia vedere davvero solo una parte – geopoliticamente limitata – della realtà. Viviamo in un sistema-mondo dove le macchine operano al centro mentre vengono costruite e alimentate con la forza lavoro e le risorse naturali della periferia (vedi Wallerstein e la sua scuola di scienza sociale). Le macchine non si costruiscono né operano da sole, e ha senso usarle nel capitalismo solo se i prezzi vigenti rendono conveniente sostituirle al lavoro umano, e questo può accadere solo in una parte del sistema-mondo (vedi Alf Hornborg… e speriamo che finalmente qualcuno lo traduca). E’ vero che la logica economica non esaurisce l’analisi dei movimenti della società, perché vi sono sempre anche le logiche politiche, i rapporti di potere, come la scelta della borghesia di usare energie non rinnovabili (e qui consiglio Anders Malm) o anche particolari macchine per prevalere politicamente sui lavoratori.
Ma l'”umanità superflua” è un’illusione ottica, generata del nostro punto di vista di paese centrale/semiperiferico, così come l’automatizzazione è possibile solo sfruttando il lavoro di chi le macchine le costruisce ed estrae i materiali e l’energia che sono necessari al loro funzionamento.
E quanti materiali e quanta energia serviranno per realizzare la ferrea disciplina dei sistemi digitalizzati? (materiali ed energia sottratti agli usi popolari – cosa che dovremo cominciare a rivendicare, vedi la demonizzazione del parco auto esistente e la follia della sua sostituzione con l’infrastruttura e le auto elettriche)
E per quanto tempo questa distopia del controllo totale – l’apoteosi del patriarcato direi che tratta la Natura come il maltrattante la “sua” donna – potrà durare, energeticamente e materialisticamente parlando?

e qui una pagina di antidoti – con poca evidenza scientifica purtroppo: https://www.eventiavversinews.it/tutti-i-protocolli-di-disintossicazione-da-scaricare-e-salvare/

gli incentivi a ricoverare per Covid

  Dalla GAZZETTA UFFICIALE DEL 19 novembre 2021 – n. 276   AGGIORNAMENTO TARIFFARIO DEGLI IMPORTI RELATIVI AI SOVVENZIONAMENTI PER I “RICOVERI DICHIARATI COVID”: – incrementato a 3.713 euro per ogni degente (al giorno) per ricovero in area medica; – incrementato a 9.697 euro per […]

“grave insubordinazione” nell’università-caserma

Dall’università-azienda all’università-caserma: sono stata sospesa per sei mesi dall’Università del Salento dal primo dicembre per aver permesso agli studenti con difficoltà respiratorie di levarsi la mascherina durante un esame in cui erano fermi al banco e distanziati, nel mese di luglio a Lecce, città scarsamente […]

censura nell’università-caserma

Vengo invitata da Segni e comprensione (in realtà da una persona che – scoprirò – non vi conta nulla) a scrivere un saggio in occasione del pensionamento di Marisa Forcina, con cui ho collaborato nella scuola estiva su “Nascere e mettere al mondo”. E’ una rivista accademica francamente mai sentita prima. Inizialmente rispondo che non ho tempo, ma la persona insiste, dicendomi sostanzialmente che pubblicano qualunque cosa che mi sia avanzata. Cedo all’insistenza, ma non ritenendo professionale il “qualunque cosa”, mi metto a scrivere questo breve saggio, “Parole, parole, parole”, su come la tattica odierna del Potere sia stravolgere i significati consolidati delle parole per far accettare realtà inaccettabili e dannose per gli stessi soggetti coinvolti: sex work, minori trans, “donna” quando si tratta di un uomo; e poi: pandemia, “vaccini” che sono terapie geniche sperimentali, “morti di Covid e casi di Covid” grazie a direttive che equiparano i corpi che rispondono con esito positivo a un tampone – che lo stesso suo inventore nega possa essere usato a fini diagnostici in assenza di sintomi e che i veri medici chiamano “farlocco” – a malati da isolare e a deceduti a causa della pseudopandemia (vedi appunto il mio testo su come è stato mutato il significato ufficiale – OMS – della parola). Avrei dovuto scrivere anche “isolamento” di un virus, che nel caso del presunto Sars-Cov-2 significa ricostruzione al computer, vedi THE-COVID-19-FRAUD-WAR-ON-HUMANITY-2.pdf (drsambailey.com), On Virus Isolation Method, Non-Specific Covid-19 Tests, New Drug Treatments for Covid-19 Infections (unite4truth.com) e il lavoro della ricercatrice canadese Christine Massey e del nostro Stefano Scoglio, che invano hanno richiesto campioni del virus a laboratori di tutto il mondo e scienziati autori di articoli che ne parlano.

Ci accordiamo prima dell’estate su un testo lievemente modificato, perché la Direttora della rivista non può credere che siano state negate le cure a molti altri malati nel periodo del lockdown (e a ben vedere le cure sono state negate anche ai malati di Covid-19) e pochi altri punti del testo che risultavano ai suoi occhi troppo polemici.

Qui la versione approvata: http://www.danieladanna.it/wordpress/wp-content/uploads/2021/11/per-Segni-e-comprensione.docx

In vista della pubblicazione la persona inutile mi chiede di modificare il sistema di riferimenti bibliografici, e faccio anche questo. Ma poi, proprio sul filo di lana, mi arriva una mail della Direttora che mi dice: voglio togliere queste parti, sei d’accordo? In sostanza non le piace che si pubblichi qualcosa di non allineato alla versione ufficiale sulla “pandemia”, e mi chiede se le do il permesso di censurarmi!

Ovviamente no, e allora scatta la foglia di fico della scientificità e il peer reviewing, e “sono solo opinioni tue, non possiamo pubblicarle”. Che “pandemia” sia stata ridefinita dall’OMS togliendo il requisito dell’alta letalità, che i “vaccini” non contengano virus attenuati ma istruzioni genetiche per modificare il funzionamento del nostro corpo, che anche gli incidenti stradali abbiano avuto come esito “morti da Covid” non sono mie opinioni, ma fatti. La persona inutile sparisce, rifiutandosi di mediare, e spero almeno vergognandosi. Loro sono filosofi ermeneutici, e mi censurano scrivendo che il mio saggio non è scientifico, mentre la rivista invece lo sarebbe. Chiedo quando e come la filosofia – e l’ermeneutica in particolare, di cui so poco, ma avendo studiato il greco so bene che significa “ciò che ha a che fare con l’interpretazione” – sia diventata una scienza, senza ottenere risposta. Per altro, non ci sono contestazioni puntuali sulla parte del testo che si vorrebbe censurare (e ci si riesce, dato che l’intero articolo mi è stato rifiutato), ma la solita evidenziazione gialla con scritto che sono mie opinioni.

Queste studiose di Hannah Arendt dovrebbero rileggersela, a partire proprio dalle Origini del totalitarismo. Ma quanto è bello per loro essere salite sulle spalle di una gigante, e da lì godersela diventando tranquille complici del Potere!

Siamo donne o caporali?

la società della paura per gismondo

La cultura della paura era un libro di Frank Furedi che negli anni ’90 così descriveva i metodi di governo negli Stati Uniti. Ci siamo decisamente americanizzati. qui l’intervista del quotidiano on line Affari Italiani alla direttrice dell’Ospedale Sacco: https://www.sinistrainrete.info/articoli-brevi/21653-maria-rita-gismondo-lo-stato-d-emergenza-serve-solo-alla-politica-per-avere-mano-libera.html

green pass e accademici

Articolo di Marco Villoresi, Università di Firenze, pubblicato il 19.11 da La Verità

economia e covid

Link ad interventi di Fabio Vighi, accademico a Cardiff

https://www.lafionda.org/2021/06/22/paradigma-covid-collasso-sistemico-e-fantasma-pandemico/

https://thephilosophicalsalon.com/a-self-fulfilling-prophecy-systemic-collapse-and-pandemic-simulation/ ( articolo in italiano con versione ridotta in inglese)

http://thephilosophicalsalon.com/slavoj-zizek-emergency-capitalism-and-the-capitulation-of-the-left/ (rebuttal of Zizek, in inglese)

https://thephilosophicalsalon.com/the-central-bankers-long-covid-emergency-noise-and-conspiracys-best-kept-secret/ (articolo in inglese con versione italiana: https://www.lafionda.org/2021/11/09/il-covid-lungo-dei-banchieri-centrali/)

http://thephilosophicalsalon.com/prolegomena-to-a-franciscan-capitalism/ (inglese)

https://orca.cardiff.ac.uk/136623/1/vighi%20homo%20pandemicus%20eng.pdf (inglese)

Effetti avversi delle terapie geniche

“Una stima realistica degli effetti avversi dei vaccini anti-Covid e del rapporto rischi-benefici”, articolo pubblicato dalla Fondazione Hume, l’autore è Mario Menichella, fisico e divulgatore scientifico https://www.fondazionehume.it/wp-content/uploads/2021/11/Articolo_effetti_avversi-85.pdf

arriva il “credito sociale” alla cinese

…ed è il Green pass, come scrive Giovanna Cracco: Andrea Zhok, che vale sempre la pena leggere per la capacità di approfondimento, sintesi ed eloquenza, scrive di libertà https://www.ilcambiamento.it/articoli/la-liberta-al-di-la-della-retorica-della-liberta?idn=122&idx=11140&idlink=2