Risposta di RUA al verdetto di Milano

6 gennaio 2017 Posted by webmater

Una coppia di uomini va in California e si compra dei figli. I tribunali italiani validano i loro certificati di nascita senza la madre, la cui sparizione è ottenuta sì ai sensi della legge californiana, ma di una legge che stabilisce che i genitori sono coloro che comprano i gameti e affittano i ventri. Resistenza all’Utero in Affitto (RUA) scrive su Facebook:

Il preminente interesse del fatto compiuto

Un altro caso di messa al lavoro riproduttivo di una donna in un paese che consente la mercificazione della gravidanza, del parto e dei neonati ottiene in Italia la ratifica in nome dell’interesse dei minori. I committenti si fanno scudo con l’interesse dei bambini e la fanno franca, mettono la giustizia di fronte al fatto compiuto e si fanno beffe del divieto giuridico e del limite etico. La madre per altri dei gemelli è stata sottoposta all’impianto di due ovuli fecondati con seme di due uomini diversi? O i gemelli sono nati da due distinte donne? Domande che sembrano più adatte all’allevamento zootecnico che alla genitorialità umana, ma tant’è.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *