Posts Tagged: ‘femminismo’

Centro di documentazione XXD

23 maggio 2015 Posted by admin

In libera consultazione testi italiani e internazionali su storia delle donne e dell’amore tra donne, lesbismo, sessualità, tematiche LGBTQI, prostituzione e sex work, femminismo, ecologia, economia politica, decrescita, analisi della crisi, critica dell’economia politica e molto altro. Sono stati catalogati un migliaio di libri, vedi il file Excel, con classificazione tematica nelle ultime colonne (ovviamente approssimativa…):

Centro di documentazione XXD

La consultazione può avvenire nel quartiere Bovisa a Milano su appuntamento, contattatemi sull’email dell’università

Un classico del femminismo italiano

16 giugno 2011 Posted by admin

Dal numero 8 di XXD

Scarica e leggi il libro

Se avessimo scritto il vero titolo di questo libro, avremmo fatto fatica a farci leggere. Dentro a un’anodina copertina celestino pallido e al titolo davvero poco accattivante de La depressione dopo il parto si nasconde invece un vero e proprio classico del femminismo. Come un giallo in cui la detective Patty insegue le tracce degli assassini, rivelando alla fine la loro identità, la psicologa sociale Patrizia Romito presenta dapprima tutti gli sforzi dell’establishment medico per far riconoscere una nuova sindrome (la depressione post parto) per giungere, al termine di un percorso affascinante, a svelare l’arcano di questi misteriosi scoramenti. Misteriosi perché diagnosticati in modo e con contenuti diversi dai vari “esperti” (alcuni danno la colpa agli ormoni, ma altri no, né vi è chiarezza sulla durata del “post parto”) e molto spesso riconducibili piuttosto ad altri sentimenti e idee, come il senso di colpa delle neomamme (in particolare quelle da lei stessa intervistate a più riprese fin dalla gravidanza) per il fatto di sentirsi infelici proprio quando tutti si aspettano che siano al settimo cielo, oppure il risentimento nei confronti del marito, che vuole essere accudito e seguito più dello stesso neonato invece di collaborare nelle fatiche quotidiane del crescere un bebé.
Questi non sono sintomi di depressione, ma reazioni giustificatissime di donne il cui lavoro non viene percepito a volte nemmeno da loro stesse (“Mi sento stanca, ma non ho fatto niente tutto il giorno” – tranne che star dietro al neonato e alla casa, naturalmente). Donne alle quali, più spesso che no, viene tolta ogni facoltà di scelta al momento del parto e delle scelte sull’allattamento, sia che si tratti dell’esproprio medico tradizionale di questi atti femminili, sia che invece siano nuovi dottori ed esperti “illuminati” a essere altrettanto inflessibili nell’imporre parto naturale e allattamento al seno. (altro…)