Posts Tagged: ‘Arcilesbica’

Presentazione a Milano

22 giugno 2017 Posted by webmater

Venerdì 23 giugno alle ore 18.30 presso la libreria Tadino si svolgerà in anteprima e nel programma del Pride la presentazione di “Fare un figlio per altri è giusto” (Falso!), il mio ultimo libro che uscirà il 6 luglio per Laterza.

tadinoLibreria Popolare di via Tadino Soc. Coop.S.r.l.- Via A.Tadino,18 – 20124 Milano

info @libreriapopolare.it
Ci trovi anche su facebook: Libreria Popolare di Via Tadino
Libreria Associata LIM – Librerie Indipendenti Milano

 

Il titolo del libro da me proposto e con cui ho lavorato era “La gravidanza per altri è un dono” (Falso!), che forse avrebbe dato meno appigli alle proteste per una presunta qualità insultante del mio lavoro (ma non credo). La spiegazione dell’origine delle famiglie da Gpa ai bambini è una cosa loro in cui non mi premetto di intervenire, il giusto e lo sbagliato lo hanno deciso con le proprie scelte. Ma nel momento in cui Famiglie Arcobaleno richiede che in Italia venga introdotto l’istituto giuridico che dichiara che la gravidanza di una donna è “per altri”, fare figli diventerebbe un mestiere e i neonati verrebbero comperati e venduti a prezzi di mercato. Che questo passi sotto il nome di autodeterminazione femminile è aggiungere al danno la beffa. Chi interviene nel dibattito senza sapere che cosa è la Gpa, in nome di una propria idea di abnegazione, oblazione e autosacrificio femminile (la Gpa come dono) dovrebbe forse informarsi meglio, anche leggendo i miei testi che riflettono anni di studio, cosa che faccio per mestiere.

Famiglie arcobaleno (inteso come entità politica, non come club sociale per famiglie lgbt) farebbe bene poi a smettere di usare i bambini come scudi umani per la censura. Nessuno vuole insultare i bambini, ma censurare il dibattito politico (che non è personale), perché i bambini della Gpa esistono è veramente vergognoso. Se in una coppia gay compaiono dei figli questo è una questione di politica pubblica, e va discussa e sviscerata ed esaminata perché sono le donne a fare i bambini. Che il Pride sia diventato surrettiziamente, senza alcun dibattito serio tra le organizzazioni, la festa della Gpa è una cosa vergognosa che testimonia la debolezza del femminismo attuale, che nemmeno riesce a balbettare qualcosa contro una pratica (la gravidanza per altri, appunto, regolata dalle leggi che stabiliscono a quali condizioni le donne debbano separarsi dalla propria prole) che cancella il ruolo delle donne nella gravidanza e nel parto, con il quale diventano le prime madri dei propri neonati. E rimarranno le madri naturali di quei neonati anche se poi volessero rinunciare ad allevarli a favore di chiunque sia abbastanza ricco da pagare loro, i medici, gli avvocati e tutta l’industria che nel mondo organizza questa ennesima espansione del mercato di cui un capitalismo agonizzante ha bisogno per far sopravvivere il profitto. Non stupisce che a rivendicare la pratica siano esponenti del PD, il partito che sta realizzando il neoliberismo in Italia e demolendo lo stato sociale e tutto quanto vi era di pubblico: la Gpa la vogliono Monica Cirinnà e Sergio Logiudice in primis. Se il Pride deve diventare la festa delle corporation e dell’espansione del mercato neoliberale, ditelo chiaramente. Finora è stata la manifestazione dell’orgoglio di essere gay e lesbiche, la celebrazione del nostro amore e della nostra sessualità, che non ha mai cercato di calpestare il diritto di altri, come quello delle madri di riconoscere i propri figli. Che cosa dice Famiglie Arcobaleno alle donne come Melissa Cook e tutte le altre che come lei vogliono uscire da un contratto firmato nove mesi prima? Che la sua gravidanza era per altri. Non vuole essere una portatrice? Ma si è impegnata a farlo. E i tribunali degli stati in cui la Gpa esiste, quei figli glieli toglieranno per darli ai committenti. Non è una madre, è la portatrice – questo è il vero insulto che avete lanciato a tutte le donne. Che prima o poi se ne accorgeranno, nonostante le vostre censure.

 

Milano: Gender is the new Black, Arcilesbica

30 marzo 2016 Posted by webmater

Dove va chi se ne va dall’eterosessualità?

gender is the new black

Una polemica sulla cosiddetta « teoria del gender » divide l’opinione pubblica in Italia e nostro obiettivo è fare luce sul tema, con l’aiuto di chi fa studi di genere e di chi vive il genere e la sessualità nell’inosservanza delle norme tradizionali.

GENDER IS THE NEW BLACK significa che le variazioni di genere sono la tendenza della contemporaneità: i ruoli sessuali e sociali si disancorano dalle credenze che si volevano dati di natura e l’originalità delle persone è da taluni avvertita come strana, che è poi la traduzione del termine queer. Spauracchio dei nostalgici, il gender è al centro di studi, arti, desideri s-prigionati e pone nuove domande alle lesbiche e a tutti

ArciLesbica Zami presenta due giornate di incontri, spettacoli, proiezioni, laboratori sui generi

Sabato 2 Aprile 2016

ore 10-12.30
Il genere come natura, performance, rapporto sociale
I soggetti di liberazione da tempo teorizzano e sperimentano il dissolvimento dei ruoli di genere e delle identità in quanto costruzioni culturali oppressive, ma qualcosa della differenza femminile si salva? Intanto non mancano visioni rinaturalizzanti della femminilità e della maschilità, agite e subite non solo da etero, ma anche da lesbiche, gay, transCarlotta Cossutta, filosofa
Luisa Muraro, filosofa

Gruppi di discussione e dibattito

Brunch

ore 14.30-17
« Libera volpe in libero pollaio », anche sulla Gpa
Il mercato trionfante cerca di ridurre la libertà femminile alla già nota messa in vendita di sé, ora estesa al corpo riproduttivo e alla prole. C’è chi vende perché c’è chi compra, l’umano è merce tra le merci, le gestanti sono salariate per i progetti di genitorialità altrui, si nasce su commissione. Non è questo che vogliamoDaniela Danna, sociologa
Marina Terragni, giornalista
Milly Virgilio, avvocata

Gruppi di discussione e dibattito